Archive for News

Io non so / come stare

Nella mia formazione hanno avuto un ruolo importante le persone che mi erano vicine: mamma, papà, zia, nonni, amici. E una persona che non mi era vicina, Giovanni Lindo Ferretti.  Da quando ho scoperto i CCCP, credo a 15 o 16 anni, credo di aver capito molte cose nuove, dedicando un po’ di tempo all’ascolto e un po’ a pensare.
Ferretti l’ho pure conosciuto, avrò avuto 34 anni, e l’ho trovato intelligente, gentile e disponibile come pensavo fosse, e dotato di un carisma che ho visto in poche persone.
Poi scopro che è diventato cattolico. Vabbè, mica è un male in sé, conosco molti cattolici che mi piacciono. Poi scopro che diventa amico di Ferrara e appoggia il Papa più reazionario che si potesse immaginare. Adesso pare che appoggi la lista pro-life.
Io non ho niente contro chi cambia idea nella vita, ma questo cambiamento non lo capisco.
E mi sento preso in giro.
Per fortuna Zamboni non è pentito, e tra un po’ esce il disco nuovo di Lalli.
ilCard

Comments (3)

piccole cose geniali

Avete sentito? è uscito il nuovo singolo di Elio e le Storie Tese.
“Parco Sempione”: per i primi 3/4 parla di come i bonghisti incapaci di suonare rendano la vita impossibile a chi al parco vorrebbe leggere un libro; nell’ultimo quarto muove un simpatico appunto alla giunta Formigoni, e chiude la canzone con “han distrutto il bosco di Gioia/questi grandissimi figli di troia.”
Ora che l’ho sentita sono di buon umore per tutta la settimana.
Elio è un genio. Lo vorrei come presidente della Repubblica, fidanzato di Carla Bruni e autore del nuovo Inno Nazionale.
Trovate il video su youtube.

ilCard

Comments (4)

troppa roba

Oggi il corriere ci informa della frenata della produzione industriale. Sei mesi fa me ne sarei fregato, ma ho appena traslocato e mi è venuto l’orrore per il possesso di oggetti, quindi mi chiedo perchè qualcuno dovrebbe preoccuparsi se ne produciamo meno, e mi sento un po’ contento. E i posti di lavoro? mi sono detto. Ma forse il punto non è questo, perchè si potrebbe lavorare meno, ma lavorare tutti e avere degli stipendi civili, e un po’ più di tempo per stare con famiglia e amici, o per dedicarsi alla cura della casa, alla cucina, allo sport, ai propri interessi. E poi, il -0,4% non mi sembra una gran frenata.

Tra l’altro è un po’ di tempo che ogni volta che vedo un carico di merce, un negozio pieno, un servizio sulle vendite all’ingrosso in Paolo Sarpi mi chiedo *ma chi cazzo la compra, tutta quella roba?*. Quante camicie, asciugamani, servizi di piatti da 12, argenterie, braghette da bagno […] servono nella vita di un uomo? Perchè io mi sa che sono a posto, nel senso che potrei smettere di comprare oggi e avere da vestirmi, asciugarmi, cucinare e apparecchiare la tavola fino alla fine dei miei giorni.

ilCard

Comments (3)

Angeletti, surrealista.

Oggi Angeletti ci fa sapere che i lavori usuranti sono molti più di quello che credessimo. Si usura non solo il minatore coperto di polvere di carbone, ma pure il barista coperto di polvere di cacao; non solo l’operaio siderurgico che doma l’acciaio fuso, ma pure la maestra elementare che tenta di domare 25 bambini. Si usurano tutti quelli che si alzano presto, quelli che fanno i turni, quelli che lavorano la notte. Ma cazzo! va a finire che gli unici che non si usurano sono i milioni di co.co.pro o simili, le partite iva che fatturano quanto un impiegato e lavorano di notte, ma non c’è scritto su un contratto, quindi è come se non sucecdesse. E quindi tutti in pensione a 57 anni (tranne i ballerini, loro a 45), con un aspettativa di vita attorno agli 80 minimo. 23 anni a girare negli ipermercati per prendere il fresco, sai che palle.

Comments (2)

Alabarda Spaziale!

Prodi: “Presenterò a breve le proposte del governo”. Mi sembra mia madre, che quando avevo 18/20 anni entrava in camera mia mentre io verso le 12 ancora ronfavo allegramente, e mi diceva “poi devo dirti una cosa”. E spariva. E io rantolavo nel letto fino alla una, chiedendomi – che cazzo avrò mai fatto. E poi era una stupidata, e io mi ero preoccupato per niente. Mia mamma sono riuscito a educarla, adesso se mi deve dire una cosa chiama e la dice, se può aspettare chiama dopo e la dice dopo, non fa più l’avvertimento tipo Goldrake che prima gridava alabarda spaziale e poi iniziava a combattere. Chissà se posso educare anche Prodi. Temo di no.

ilCard

Comments (3)